Events, food, experiences for an unforgettable trip to Italy

Giochi e giocattoli dal Rinascimento al Barocco

Giochiamo! Affascinante esposizione a Urbino fino al 5 febbraio 2017

Giocattoli dal Rinascimento al Barocco - Urbino
27 Ott 2016 - 05 Feb 2017 Marche -Urbino (PU)  Arte/Cultura | Bambini | Mostra/Museo

Giochiamo!Dal 27 ottobre 2016 al 5 febbraio 2017, a Urbino l’esposizione Giochiamo! Giochi e giocattoli dal Rinascimento al Barocco fa vivere un viaggio a ritroso nel tempo.
La mostra racconta i due importanti periodi storici del Rinascimento e del Barocco attraverso un percorso inconsueto e originale di giochi, giocattoli e passatempi che si diffusero dal Quattrocento al Seicento in tutta Europa.

Sono esposte carte da gioco, scacchiere, libri, giocattoli, dipinti e incisioni provenienti da collezioni austriache, tedesche e italiane.
Rappresentazioni di scene di gioco come il quadro con la Partita a scacchi di Giulio Campi, e altre opere molto rare trasportano il visitatore in un mondo “ludico” che fin dall’inizio sorprende per la sua preziosità. È veramente sorprendente la Scacchiera cinquecentesca con i pezzi tuffati nell’oro e nell’argento (Schloss Ambras di Innsbruck) oppure la scatolina intarsiata in avorio contenente giocattoli in miniatura conservata al Kunsthistorisches Museum di Vienna (Kunstkammer), solo per ricordare due opere tra le più interessanti.

L’esposizione, ospitata nel Palazzo Ducale, racconta come in quei secoli le attività ludiche non fossero affatto “un gioco da ragazzi” ma praticate anche da un pubblico adulto di ceto sociale elevato.
L’esposizione è suddivisa in 4 sezioni: i giochi in movimento, i giochi da tavolo, i giochi d’azzardo e i giochi per bambini.

In concomitanza con la mostra, da domenica 13 novembre fino a sabato 4 febbraio, Palazzo Ducale organizza una serie di attività e laboratori legati al gioco. Le attività per bambini e famiglie cominciano alle ore 15.30. Programma >>>

(Foto di copertina: Giulio Campi, Partita a Scacchi, 1530-1532. Fonte: Wikimedia Commons)

Vai al sito Giochi e giocattoli dal Rinascimento al Barocco