Events, food, experiences for an unforgettable trip to Italy

L’Ara com’era – Roma

Fino al 25 Ottobre 2019. Visita dell’Ara Pacis in realtà aumentata.

Ara Pacis com'era - Roma
14 Ott 2016 - 25 Ott 2019 Lazio -Roma  Arte/Cultura | Mostra/Museo | Visite

Storia e tecnologia si incontrano in “L’Ara com’era”, visita immersiva e multisensoriale della Ara Pacis di Roma, fino al 25 Ottobre 2019
La Ara Pacis, uno dei più importanti capolavori dell’arte romana, costruito tra il 13 e il 9 a.C. per celebrare la Pace instaurata da Augusto sui territori dell’impero, viene offerto al pubblico di oggi in modo da favorire una fruizione modernissima e coinvolgente.

Sovrapponendo nel racconto multimediale elementi virtuali alla percezione visiva, è possibile comprendere l’aspetto originario e la funzione dell’altare e osservare le trasformazioni del Campo Marzio settentrionale, l’area di Roma prescelta da Augusto per celebrare il proprio potere.

La Ara Pacis com’era presenta in anteprima l’esperienza di Augmented Reality (Realtà Aumentata).
Utilizzando particolari visori AR (Samsung GearVR) e la fotocamera dei device in essi inseriti, elementi virtuali ed elementi reali si fondono direttamente nel campo visivo dei visitatori.
La particolare applicazione di Augmented Reality riconosce la tridimensionalità dei bassorilievi e delle sculture, effettuando un tracking in tempo reale.
I contenuti virtuali appaiono al visitatore come “ancorati” agli oggetti reali, contribuendo all’efficacia e al senso di magia dell’intera esperienza. In questo percorso di scoperta, il visitatore è invitato a svolgere una serie di gesti e azioni che coinvolgono più canali percettivi. E così, osservando da varie angolazioni i plastici e i modellini, i visitatori li vedranno popolarsi di personaggi intenti a celebrare il sacrificio, ascoltando suoni e voci come in uno spaccato dell’epoca, mentre i calchi raffiguranti la famiglia imperiale prenderanno vita e si racconteranno in prima persona.

L’interpretazione dei personaggi è affidata alle voci di Luca Ward e Manuela Mandracchia.

Vai al sito L’Ara com’era – Roma