Eventi, cibo, esperienze per un indimenticabile viaggio in Italia

Villa Grock e Museo del Clown – Imperia

TEMPORANEAMENTE CHIUSO PER LAVORI DI RESTAURO

Villa Grock e Museo del Clown - Liguria
Tutto l'anno Liguria -Imperia  Arte/Mostre/Musei | Bambini | Hobby/Curiosità

TEMPORANEAMENTE CHIUSO PER LAVORI DI RESTAURO

Ex dimora dell’artista del circo Grock e ora Museo del Clown, per i bambini di tutte le età
Per gli orari di apertura, visitare il sito>>>

Ingresso su prenotazione, da confermare nelle 24 ore precedenti
Dal lunedì al venerdì telefonare al numero 0183 701555, 0183 701556 e 0183 701561 dalle ore 8.30 alle ore 13.00
Il sabato telefonare al numero 0183 297927 dalle ore 16.30 alle ore 19.30
oppure inviare una
mail>>>

Obbligo della mascherina e rispetto della distanza interpersonale di almeno 1 metro.
________

Il Museo del Clown si trova a Oneglia, uno dei due centri abitati della città di Imperia, in quella che fu la dimora del celebre Grock (1880 – 1959), il grande artista del circo considerato unanimemente il più grande clown della storia.

Adrien Wettach, in arte Grock, nacque a Reconvilier, (Svizzera), nel 1880, e fu consacrato “Re dei clown” all’Olympia di Parigi nel 1919. Fu una vera e propria star internazionale da quegli anni fino al suo addio alle scene nel 1954.

Grock fu un artista straordinario: giocoliere, equilibrista, acrobata, musicista in grado di suonare un gran numero di strumenti, virtuoso con pianoforte e violino.

Conobbe Imperia per caso e ne rimase incantato. Acquistò un terreno sulla collina di Oneglia e vi fece costruire la villa e che divenne la sua residenza stabile fino alla morte, nel 1959.
La casa e il giardino restano a testimoniare l’arte del loro eclettico proprietario, trasmettendone ancora il malinconico, celeberrimo sorriso.

“Circo di pietra”, così fu definita la villa per i numerosi richiami al mondo circense che si trovano in tanti dettagli architettonici (lampioni, colonne, decori, balaustre, dislivelli, affreschi…). L’architettura della villa è influenzata dallo stile Liberty ma con influenze anche di artisti contemporanei di Grock come Dalì, Picasso e Gaudì. È un misto stravagante di rococò, liberty, art-decò e di elementi orientali piazzati qua e là.

Il Museo è dedicato soprattutto ai bambini. Si sviluppa su due piani: il piano terra ospita  ritratti del grande clown e alcuni filmati, mentre al piano superiore i protagonisti sono la storia del circo e quella del clown, che vengono raccontate con ogni tipo di gioco interattivo: magia, vestizione, trucco…

Il giardino rispecchia lo stile della villa. È dominato da un laghetto centrale dove Grock amava pescare e nuotare. Al centro c’è un piccolo isolotto. La vegetazione è ricca di palme e cedri che danno un tocco di esotico a tutto l’ambiente.

Il  Festival Grock – Ogni anno dal 2005, nei primi due week end di ottobre si svolge il Premio Grock Città di Imperia per celebrare l’arte del grande clown svizzero. L’Albo d’Oro dei premiati porta  nomi notissimi tra cui Arturo Brachetti, Paolo Rossi, Antonio Albanese, Paolo Villaggio, Banda Osiris, Mago Silvan, Tullio Solenghi.

Dal 2003 si svolge anche il Grock d’Or una competizione di artisti circensi per ricordare il grande artista

Ingresso a pagamento

Informazioni
Ingresso su prenotazione, da confermare nelle 24 ore precedenti
Dal lunedì al venerdì telefonare al numero 0183 701555, 0183 701556 e 0183 701561 dalle ore 8.30 alle ore 13.00
Il sabato telefonare al numero 0183 297927 dalle ore 16.30 alle ore 19.30
oppure inviare una mail>>>
Obbligo della mascherina e rispetto della distanza interpersonale di almeno 1 metro

Foto dalla pagina di Imperia da vedere

Per  saperne  di più  >>>