Eventi, cibo, esperienze per un indimenticabile viaggio in Italia

Museo del Bisso – Sant’Antioco

Opere in “seta del mare” per scoprire la cultura e la storia del bisso

Museo del Bisso - Sardegna
Tutto l'anno Sardegna -Sant'Antioco  Arte/Mostre/Musei | Cultura/Storia | Hobby/Curiosità

Il Museo del Bisso si trova nel comune di Sant’Antioco, nell’omonima isola a sud-ovest della Sardegna. È stato creato ed è gestito da Chiara Vigo, unico Maestro al mondo sopravvissuto nella pratica di quest’arte.

Cos’è il bisso? È una fibra pregiata che viene ricavata dalla Pinna Nobilis (volgarmente gnacchera o pinna), un mitile mediterraneo bivalve di grandi dimensioni che può vivere fino a 25 anni e arrivare a oltre un metro di lunghezza.  

Da questo bivalve, il più grande del Mediterraneo, si raccoglie un filamento dai riflessi dorati, talmente pregiato da essere definito “seta di mare”. Un tempo era destinato a tessere paramenti sacri e i vestiti più sfarzosi dei notabili. 

In Italia esistevano due centri dove tradizionalmente si produceva il bisso: la zona di Taranto e l’isola di Sant’Antioco. Oggi rimane solo una persona al mondo capace di produrlo interamente, si tratta appunto del Maestro Chiara Vigo, che vive a Sant’Antioco. Dall’età di 14 anni Chiara si immerge nella laguna dell’isola per raccogliere il bisso dal fondo del mare senza danneggiare gli animali, e lavorarlo secondo la tradizione.

La gnacchera, questa cozza gigante, si ancora al fondale e resta in posizione verticale grazie a una barba grezza e incolta, molto tenace. È questa che una volta lavorata e sbiondita diventa bisso, splendente come oro, soffice e forte. Da 300 grammi di fibra grezza se ne ricavano 30 di filo puro e utilizzabile per la tessitura. 

Vuole la leggenda che fu la principessa Berenice di Caldea, in esilio a Sant’Antioco per essersi innamorata dell’imperatore Tito, a insegnare come si tesse la seta del mare.

Chiara Vigo è depositaria dell’antico sapere custodito dalla sua famiglia e mantiene in vita queste conoscenze senza scopo di lucro. Raccoglie e mostra i suoi manufatti nel suo museo-laboratorio a ingresso gratuito per il giuramento secolare che vincola le donne della sua famiglia a non vendere le opere in bisso. Il bisso non si vende e non si compra. Le opere in seta del mare possono solo essere donate o ricevute. Un Maestro di bisso vive di offerte.

Un visitatore del Museo del Bisso ha commentato: ” Chiara Vigo è un’artista unica. Senza compromessi e senza mezze misure . Nel suo laboratorio-museo si respira la brezza del mare, la cultura, la storia e la bellezza fatte arte . Bellissima visita, consigliata a tutti.”

INFORMAZIONI UTILI
Aperto su prenotazione

Ingresso gratuito
Vedi anche la pagina Facebook del Museo del Bisso per aggiornamenti>>>

Foto dalla pagina Facebook del museo

E SE SEI APPASSIONATO DI MODA, guarda quali altri musei in Italia sono dedicati alla storia della moda e del costume: abiti, ma anche scarpe e accessori>>>

Per  saperne  di più  >>>