Eventi, cibo, esperienze per un indimenticabile viaggio in Italia
Fai Primavera

FAI – Le giornate di Primavera 2022

Sabato 26 e domenica 27 Marzo 2022 tornano Le Giornate di Primavera del FAI (Fondo Ambiente Italiano) che rappresentano la più grande festa di pubblico dedicata al patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese.

Arrivate nel 2022 alla 30esima edizione, quest’anno coinvolgono 400 località in tutta Italia con 700 aperture di ville, parchi e castelli, siti archeologici…
Le Giornate di Primavera del FAI tornano così alle date tradizionali del primo weekend di primavera e saranno organizzate nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria.

Quest’anno le due giornate sono particolarmente significative perchè arrivano nel pieno di una guerra che segna tragicamente la storia europea, e allora diventa ancora più necessario concentrarsi sul ruolo del patrimonio culturale che testimonia la storia e rinsalda i valori del vivere civile.

In solidarietà con il popolo ucraino, la bandiera ucraina sarà esposta in tutti i beni visitabili e il FAI si impegna fin d’ora alla ricostruzione di un bene.

Sul sito del FAI sono indicate tutte le visite possibili e si può procedere alla prenotazione>>>
Alcune visite prevedono anche visite guidate.
L’accesso ai siti è a contributo libero ma il minimo suggerito è di 3 euro.
Vedi anche la pagina Facebook del FAI >>>

foto di copertina: sito del FAI

Cosa è il FAI?
Il FAI – Fondo Ambiente Italiano – è nato nel 1975 dall’idea di quattro amici – Giulia Maria Crespi, Renato Bazzoni, Alberto Predieri e Franco Russoli – che decisero di fondarlo sul modello del National Trust inglese. Si erano dati lo scopo di far conoscere e proteggere le straordinarie bellezze,  i monumenti, i paesaggi, le opere d’arte, i siti archeologici di cui l’Italia è ricca,
Oggi i Beni salvati e curati direttamente dal FAI sono 68: si trovano in tutte le regioni d’Italia e sono visitati da 850.000 persone all’anno con l’aiuto di oltre 7.500 volontari. Le Giornate FAI di Primavera, l’evento di punta del Fondo, hanno dato modo a oltre 11 milioni di persone di scoprire luoghi meravigliosi, normalmente chiusi al pubblico.