Eventi, cibo, esperienze per un indimenticabile viaggio in Italia

Sagra del Casatiello – Sant’Arpino

Giugno 2022. In provincia di Caserta, il Casatiello in tutte le sue varianti.

Sagra del Casatiello a Sant'Arpino - Campania
Giugno Campania -Sant’Arpino (CE)  Cibo/Vino | Folklore/Tradizioni | Sagre/Fiere/Mercatini

La Sagra del Casatiello, arrivata nel 2022 alla 28esima edizione, si svolge a Sant’Arpino, in provincia di Caserta, nel Giugno 2022.

Ma cosa è il Casatiello?

Il Casatiello è una ricetta tipica della Campania, legata alle tradizioni contadine. Veniva preparato dai contadini in occasione della Pasqua, e gli ingredienti utilizzati erano e sono tutt’ora strutto, formaggio, ciccioli e salumi.

Da oltre 25 anni, alla Sagra del Casatiello sono allestiti stand enogastronomici ed artigianali che vendono prodotti locali e permettono di degustare il Casatiello realizzato in diverse varianti. Perché esiste il Casatiello salato, ma anche quello dolce, e ogni famiglia contadina ha il suo segreto e il suo Casatiello particolare.

Nel programma della festa, anche spettacoli folkloristici di ballo e canti popolari, mostre di pittura e scultura, visite guidate al Palazzo Ducale e visite guidate alla Chiesa di Sant’Elpidio.

Come fare il Casatiello napoletano 
Il casatiello è la tipica torta rustica napoletana (il rustico è una torta salata con una ricca farcitura), e forse è il rustico più famoso che si prepara nel periodo di Pasqua. Ottimo sia caldo che freddo, tipico come colazione al sacco nelle gite di Pasquetta.

La tradizione vuole che venga preparato il venerdì sera, lieviti l’intera nottata del venerdì santo e infornato la mattina seguente.
Come tutti i cibi tradizionali la ricetta ha infinite varianti. Eccone una salata abbastanza classica.

Ingredienti per uno stampo da 32 cm:
– farina 00 – 600g
– acqua – 300 ml
– lievito di birra – 10 g
– strutto – 150 g
– salame tipo Napoli – 400g
– provolone – 400 g
– pecorino – 70 g
– 4 uova
– sale e pepe

Come si fa

  1.  Disponete la farina a fontana su una spianatoia. Sciogliete il lievito in acqua tiepida e aggiungetelo lentamente alla farina.
    – impastate a lungo in modo molto energico e aggiungete lentamente l’acqua facendola assorbire alla farina.
    – incorporate poco alla volta lo strutto e metà del pecorino, tenendo da parte un po’ di strutto per ungere lo stampo e il casatiello prima di infornarlo,
    – aggiungete poco sale e una abbondante macinata di pepe.
    – formate una palla con l’impasto, disponetelo su una spianatoia e fatelo lievitare  per 1 ora
  2. Stendete l’impasto su una spianatoia infarinata e rendetelo di circa di 1 cm di spessore. Lasciate da parte un po’ di pasta per le striscioline!
    – Tagliate a dadini gli affettati e i formaggi e disponeteli su tutta la superficie della pasta. Spolverizzate con il pecorino. Arrotolate con delicatezza il più strettamente possibile.
  3. Ungete abbondantemente con lo strutto lo stampo da casatiello, disponetevi il rotolo a ciambella, unendone bene le estremità.
    – Fatelo lievitare per tutta la notte coperto con un canovaccio
  4. Fate dei fossetti sul casatiello a intervalli regolari e disponetevi dentro le uova col guscio, lavate e asciugate. Fermate le uova con striscioline incrociate di pasta (quella che avete tenuto da parte). Ungete il casatiello su tutta la sua superficie con lo strutto tenuto da parte.
  5. Infornate in forno preriscaldato a 160°C per un’ora circa.
    – Lasciate intiepidire il casatiello, tagliate a fette e servite.

Preparazione: 1 ora circa

Cottura: 1 ora circa

(foto: pagina Facebook dell’evento)

Per  saperne  di più  >>>