Eventi, cibo, esperienze per un indimenticabile viaggio in Italia

Museo della Moda e delle Arti Applicate – Gorizia

Collezioni di abiti e gioielli che ripercorrono la storia del costume dal ‘700 al ‘900

Museo della Moda e delle Arti Applicate di Gorizia - Friuli Venezia Giulia
Tutto l'anno Friuli-Venezia Giulia -Gorizia  Museo | Visita

TEMPORANEAMENTE CHIUSO

Il Museo della Moda e delle Arti Applicate di Gorizia, realizzato nel 1999, fa parte dei Musei Provinciali di Gorizia, e rappresenta una delle istituzioni museali italiane dedicate alla storia del tessile e del costume.

La tessitura della seta era un’attività di grande importanza nel Goriziano, annesso all’Impero asburgico fino al 1918.  In particolare nel Settecento, grazie all’influenza degli imperatori Maria Teresa e Giuseppe II, si tessevano tessuti serici semplici e di ottima qualità, come taffetà, gros de Tours e damaschi

Il museo occupa il primo piano delle Case Dornberg e Tasso e comprende le sezioni della produzione, lavorazione e tessitura della seta, e una sezione è dedicata alla produzione dei gioielli.

Le botteghe – Il percorso espositivo si snoda tra ambienti che riproducono attività artigianali collegate all’abbigliamento come la bottega del calzolaio, del cappellaio e la sartoria.

Le collezioni di abiti risalgono a  un periodo di tempo compreso tra il ‘700 ed il ‘900, con particolare riguardo al periodo che va dal 1890 alla prima guerra mondiale. Sono esposti campioni di tessuto e capi di vestiario sia di uso quotidiano che da cerimonia o per occasioni particolari.

Tra le meraviglie e le curiosità in esposizione:
il torcitoio circolare da seta, un macchinario risalente alla metà del ‘700, la cui unicità consiste nel venire azionato non dalla ruota idraulica, ma da una persona che, situata al suo interno, lo deve spingere camminando all’indietro.
il merletto a fuselli, uno degli ornamenti più preziosi, che nel Goriziano vanta una tradizione risalente al 1672,
una raccolta di guanti e borsette dal 1700 al 1925.

Le arti applicate sono rappresentate da una sezione del museo dedicata alla produzione artigianale di vetri e ceramiche risalenti al diciottesimo secolo. In esposizione contenitori di antiche farmacie e ferri battuti ottocenteschi di produzione locale.

I tessuti decorati con motivi a righe, quadri e fiori sono stati i protagonisti di un nuovo allestimento inaugurato nel 2019 in occasione del ventennale del Museo.
Righe, quadri e fiori sono motivi che attraversano la storia del costume fino dal ‘700 e colorano gli abiti e gli accessori di uomini, donne e bambini con diversi gradi di formalità.
Una sezione è dicata in particolare a righe e quadri con esposizione abiti con tessuti rigati e quadrettati, che vanno dal ‘700 agli inizi del ‘900, figurini di moda, campioni di tessuto, abiti, gioielli, merletti, cappellini, fazzoletti ricamati, borse e parasoli.
La sezione finale è una sequenza di situazioni ispirate al tema del fiore. Si va dall’abbigliamento maschile settecentesco, più fiorito di un erbario, al parasole degli anni Venti.

Due installazioni multimediali aiutano il visitatore a vivere il museo:
– una installazione multimediale interattiva permette ai visitatori di cimentarsi con il design tessile, creando a proprio piacimento le più svariate combinazioni.
– una seconda installazione multimediale basata su figurini di moda accompagna i visitatori in un viaggio nella storia del costume, tra interni domestici, giardini e teatri.

Ingresso a pagamento
Il blglietto consente l’ingresso anche al Museo della Grande Guerra

Aperto tutto l’anno
Orario di apertura:

Da martedì a domenica dalle ore 9.00 > 18.30
Chiuso Lunedì

Foto dalla pagina Facebook dei musei provinciali di Gorizia

Per  saperne  di più  >>>