Eventi, cibo, esperienze per un indimenticabile viaggio in Italia

Parco di Villa Durazzo Pallavicini – Genova Pegli

Da Marzo a Ottobre. Uno dei giardini romantici più famosi d’Europa

Parco di Villa Durazzo Pallavicini - Liguria
Marzo - Ottobre Liguria -Genova Pegli  Hobby/Curiosità | Mostre/Visite/Musei | Natura/Escursioni

APERTO quando la Liguria è in ZONA GIALLA

Per gli orari di apertura visitare il sito>>>
Nei weekend ingressi contingentati
E’ possibile acquistare il biglietto online>>>
Obbligo della mascherina e il rispetto della distanza interpersonale di almeno 1 metro.
__________
Villa Durazzo Pallavicini, storica dimora nobiliare ligure nel Ponente di Genova, si trova in una posizione dominante nel quartiere residenziale di Pegli, che un tempo era un comune indipendente particolarmente amato dall’aristocrazia inglese. 

Il parco di Villa Durazzo Pallavicini è uno dei più famosi giardini storici d’Europa e nel 2017 è stato dichiarato “Parco più bello d’Italia”.

La struttura del parco come lo vediamo oggi risale a metà ‘800 quando il marchese Ignazio Alessandro Pallavicini chiede a Michele Canzio, scenografo del Teatro Carlo Felice, di trasformare in “giardino romantico” il parco originario del ‘600 voluto dalla famiglia Grimaldi (la stessa dei regnanti del Principato di Monaco).
La s
uperficie del parco che circonda la villa è di quasi 9 ettari e  include un grande giardino botanico intitolato alla nobildonna Clelia Durazzo (sposata Grimaldi)  che già a fine ‘700 aveva realizzato nel parco della villa un importante orto botanico.

Una narrazione teatraleMichele Canzio ha concepito il parco come un percorso scenografico e lungo i sentieri si incontrano palme, piante esotiche, lecci e allori, ma anche architetture neoclassiche, neogotiche o rustiche,
Il percorso del parco è anche ricco di citazioni esoteriche e massoniche e una delle visite guidate
aiuta il visitatori a riconoscerle.

Le architetture che si incontrano lungo il percorso comprendono la cappelletta gotica della Madonna, il mausoleo del Capitano, le tombe degli Eroi, una casa colonica in stile medioevale e il castello, a base quadrata con torre centrale cilindrica, con gli interni affrescati e arredati.
Nella zona del Lago Grande si trovano il tempietto neoclassico dedicato a Diana, che sorge al centro del lago ed è diventato l’immagine simbolo del parco, e costruaioni di ispirazione orientale come il ponticello in ferro, la pagoda cinese, l’obelisco egizio e il tempio turco.
Il percorso si conclude al Casino di Flora, una costruzione a pianta ottagonale ornata di stucchi e vetri colorati con un magico gioco di specchi che dilata lo spazio all’infinito.

Il giardino botanico all’interno del parco copre una superficie di 4500 metri quadri, Intitolato a Clelia Durazzo. il giardino contiene oltre 1.550 specie vegetali sia di piante esotiche che autoctone.

Nel giardino si trova la più grande e antica collezione di camelie d’Europa, con specie pregiate provenienti da tutto il mondo.  Tra queste lo splendido esemplare di Camellia japonica ‘Rubra simplex’ che troneggia al di sopra del lago Grande. La collezione di camelie è visibile al pubblico e attira appassionati da tutto il mondo durante la fioritura mozzafiato che sboccia in primavera.
Tra le piante esotiche una monumentale canfora, un cedro del Libano al margine del lago, una collezione di palme, l’araucaria e il sughero secolari, la rosa banksia…

Nel 1928 il complesso di Villa Durazzo Pallavicini è stato acquisito dal Comune di Genova, che lo ha impreziosito con accurati restauri e un’attenta manutenzione e oggi lo utilizza anche come vivaio per le piante ornamentali destinate ai giardini e parchi cittadini.

Il parco si può raggiungere anche via mare. Oltre ad utilizzare la propria auto, si può arrivare al parco con i mezzi pubblici urbani, con il treno, ma anche via mare con un percorso in battello di circa 20 minuti che parte dall’area del Porto Antico.

Ingresso a pagamento

Per visite guidate, prenotazione obbligatoria al numero 393 8830842 oppure 010 8531544 o inviando una mail>>>

Foto dalla pagina Facebook del parco

Per  saperne  di più  >>>